La fideiussione è una forma di garanzia che gli istituti finanziari possono richiedere in cambio di un prestito. Nella fidejussione partecipano 3 soggetti differenti:

–         Il beneficiario: l’istituto di credito che eroga il finanziamento;

–         Il contraente: colui che richiede il prestito;

–         Il garante: il fideiussore che firma la fideiussione, il quale funge da garante nel momento in cui il contraente non dovesse riuscire a far fronte alla restituzione della somma di denaro richiesta.

Vi sono diverse tipologie di fidejussione:

–         Illumitata e solidale, con la quale il fideiussiore garantisce il pagamento dell’intero debito contratto dal contraente;

–         Con beneficio di escussione, il fideiussione garantisce il pagamento del debito residuo rimasto da saldare;

–         Pro-quota, con la quale il debito complessivo viene suddiviso in quote tra più fideiussori/garanti.

La figura del fideiussiore in genere può essere rappresentata da un caro amico o da un parente. Tale persona dovrà però possedere un reddito dimostrabile, delle proprietà immobiliari e un buon merito creditizio. Se non si volesse coinvolgere amici e parenti, è possibile rivolgersi a banche, piuttosto che a società assicurative o finanziarie specializzate.

La fideiussione bancarie, dove la banca funge da garante, sono difficili da ottenere e i tempi per l’erogazione del prestito sono abbastanza lunghi. Inoltre, la banca richiede di vincolare il 100% del capitale garantito e l’apertura della pratica verrà segnalata alla Centrale Rischi della Banca D’Italia.
La fideiussioni assicurativa invece prevede come garante l’assicurazione stessa, i costi sono più bassi e i tempi più veloci. Vengono utilizzate in casi di richieste di:

–         stipula dei contratti di franchising

–         come garanzia per il pagamento degli anticipi di contributi siano essi statali o regionali

–         a garanzia di pagamento nei finanziamenti i prestiti

–         contratti di locazione

Infine, le fideiussioni finanziarie, nelle quali il garante è la società finanziaria che è stata scelta, i costi e i tempi di istruttoria della pratica sono più contenuti.

Il costo di una fideiussione dipende da diversi fattori tra cui, l’importo da garantire, il motivo per il quale viene richiesta la fidejussione e la durata della stessa.

Nel caso in cui dovesse avvenire un mancato pagamento, il fideiussore dovrà essere avvisato prima della scadenza della rata, in caso contrario oltre al contraente anche il fideiussore stesso rischia di essere segnalato in CRIF e di considerato cattivo pagatore, comportando problemi nella richiesta di ulteriori finanziamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie (tecnici e di analisi, anche di terze parti) per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti.  Per conoscere la nostra politica sui cookie Cookie policy Cookie policy